Tutela dell’ambiente, il battesimo dell’associazione “Mare Pulito Bruno Giordano” (VIDEO)

Presentata, al porto di Tropea, l’associazione che porta il nome del compianto procuratore della Repubblica di Vibo. La tutela dell’ambiente e del mare obiettivo primario

La tutela dell’ambiente e del mare. Sono questi i capisaldi sui quali si poggiano gli obiettivi della neonata associazione “Mare Pulito Bruno Giordano”, il cui battesimo è andato in scena ieri sera nell’incantevole scenario del porto di Tropea. Un momento partecipato ed importante nel ricordo di Bruno Giordano, ex procuratore della Repubblica di Vibo. Una serata che ha visto la partecipazione di numerosi attori istituzionali. In primo luogo il sindaco di Tropea, Giovanni Macrì, il procuratore della Repubblica di Vibo, Camillo Falvo, il prefetto di Vibo, Francesco Zito, il direttore dell’Arpacal, Domenico Pappaterra, il presidente di Confcommercio Calabria, Klaus Algieri, la moglie del compianto Bruno Giordano, Francesca Mirabelli e la presidente della neonata associazione, Marina Betrò.

Figure illustri anche tra il pubblico: dai rappresentanti dei comuni calabresi che hanno ricevuto, al pari di Tropea, la Bandiera Blu (uno di questi comuni riceverà prossimamente il premio Bruno Giordano), al questore di Vibo, Annino Gargano, al comandante provinciale della Guardia di Finanza, Roberto Prosperi, al senatore Mangialavori, al presidente della Camera di Commercio, Sebastiano Caffo, al sindaco di Vibo, Maria Limardo.

“Questa sera mi sono emozionante veramente – ha sottolineato Francesca Mirabelli – in questo contesto che ha visto la presenza di personalità importanti. Speriamo di partire con il piede giusto e di dare una mano ai comuni costieri. Noi ci siamo. La targa verrà consegnata alla fine del mese di agosto ai comuni o al comune che la merita”.

“La nostra mission  – ha dichiarato Marina Betrò – è quella di collaborare con le istituzioni per il rispetto dell’ambiente e dei nostri mari. Vedere il nostro mare pulito, ma che spesso per via di azioni umane illecite non è in grado di ospitare in maniera dignitosa i turisti. Abbiamo una delle coste più belle d’Italia che però non sappiamo tutelare”.

Nel video le interviste a Francesca Mirabelli, Santo Naccarato, il procuratore Falvo, il sindaco Macrì ed alla presidente di Mare Pulito Bruno Giordano, Marina Betrò.