Caporalato, il comandante della Finanza di Cosenza: “Abbiamo cancellato una piaga sociale”

Il colonnello Danilo Nastasi: “I lavoratori sfruttati e lesi nella loro dignità di essere umani”

“Abbiamo individuato oltre duecento lavoratori sfruttati e lesi nella loro dignità. Questa indagine mette fine ad una situazione di illegalità che rappresenta una vera e propria piaga sociale, ma anche economica, perché falsa la leale concorrenza tra le imprese e lede profondamente la dignità umana”. Lo ha detto il Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, colonnello Danilo Nastasi, durante la conferenza stampa per illustrare i dettagli dell’inchiesta “Demetra” contro due gruppi criminali che
gestivano un’attività di caporalato concentrata, in particolare, nella Piana di Sibari,

“Non lasciavano nulla al caso, era una vera e propria rete ben strutturata”, ha detto il tenente colonnello Valerio Bovenga, comandante del Gruppo di Sibari. “Questi braccianti – ha aggiunto – oggi vedranno venir meno quella paga misera che ricevevano, ma non dimentichiamo che sono soggetti sfruttati, tenuti in contesti degradanti e fatiscenti, ed erano considerati come oggetti di proprietà dei caporali e delle aziende”.

Braccianti sfruttati a Cosenza, i dialoghi disumani dei caporali: “Domani le scimmie le mandiamo lì”

Braccianti agricoli resi schiavi da caporali e imprenditori: i dettagli dell’operazione

Operazione “Demetra”, ecco i nomi degli arrestati e le aziende agricole sequestrate (VIDEO)