Fase 2 in Calabria, Caritas: “Dopo emergenza sanitaria preoccupa quella economica”

Secondo don Pangallo, delegato regionale dell’associazione, “è presto per dire che ci sarà l’esplodere di tensioni sociali, ma se non ripartirà la piccola economia che succederà?”

Ai “vecchi” poveri se ne aggiungono adesso di nuovi. Il Coronavirus ha infatti dato inizio a una nuova crisi che potrebbe portare effetti devastanti in Calabria. “È presto per dire che ci sarà l’esplodere di tensioni sociali, ci auguriamo ovviamente di no, ma se non ripartirà la piccola economia che succederà?”. A parlare, all’agenzia di stampa AGI, è don Antonino Pangallo, delegato regionale della Caritas, una rete di dodici strutture – tante quante sono le diocesi in Calabria – da anni attive sul territorio per dare una mano a tutti coloro che si trovano in difficoltà.

Calabria risparmiata dall’emergenza sanitaria ma non economica. “La nostra percezione – spiega don Pangallo – è che la Calabria sia stata risparmiata dall’emergenza sanitaria, ma probabilmente non sarà risparmiata da un’emergenza economica e sociale, anche perchè questa si inserisce in un contesto problematico già cronico. Nella regione il dato per cui a livello nazionale la gente è preoccupata più sul piano economico che su quello sanitario è assolutamente reale”.

Raddoppio delle richieste di aiuto. Secondo una stima di Coldiretti, pubblicata a fine marzo, in Calabria sono quasi 283mila le persone che hanno bisogno di un aiuto alimentare. “Oggi – spiega don Pangallo – non è facile avere numeri precisi, certo è che abbiamo registrato un raddoppio nelle richieste di beni primari, richieste provenienti anche da categorie che finora non vedevamo ai nostri sportelli: penso ad esempio ai filippini, caduti nella crisi non potendo lavorare nelle case. Per tanti è arrivato poi il bonus governativo ma molti non sapevano come fare la richiesta: con i nostri volontari, abbiamo fatto opera di ‘advocacy’ per tanti di loro di loro, perchè i servizi sociali dei Comuni in Calabria sono a macchia di leopardo”.

Fase due e il rischio usura. E la fase due, secondo don Pangallo, non sarà certo facile: “Ci stiamo già ponendo il problema della fase 2, nel quale il bisogno alimentare non sarà l’unico. A rischio c’è il diritto alla salute, e poi la povertà educativa, il lavoro che non ci sarà, e qui poi è già scarso, precario e spesso nero. E poi c’è il grande rischio dell’usura, di trovarsi nelle mani degli strozzini. Se non ci sarà una ripartenza economia, anche minima, nei prossimi mesi avremo tanta gente al tracollo”.

Lotta alla povertà: importante non tacere. “Come Chiesa – conclude il delegato alla Caritas regionale – facciamo il massimo, ma non possiamo risolvere tutta la problematica sociale. Sul tappeto restano questioni grosse, a livello istituzionale e politiche, rispetto alla lotta alla povertà. Se non si rimette in moto un circuito, se chiuderanno imprese sociali che offrono servizi di prossimità, che faremo? Dobbiamo fare attenzione a non fare la solita lamentazione meridionale ma non dobbiamo nemmeno tacere”.