Coronavirus, Comune di Arena dona uova di Pasqua a tutti i bambini

Per l’iniziativa l’amministrazione ha donato la somma delle proprie indennità di carica. Distribuiti anche buoni spesa per 21 famiglie e diverse mascherine

Utilizzando il proprio stipendio e le indennità di carica gli amministratori del Comune di Arena, nel Vibonese, hanno regalato ai bambini fino a quattordici anni una dolce sorpresa: un uovo di Pasqua ciascuno riservato a tutti i cittadini più piccoli. Queste saranno distribuite nelle prossime ore quando, contestualmente, saranno donati agli anziani e ai soggetti più fragili “doni pasquali in un momento difficile ed epocale la comunità”.

Buoni spesa già distribuiti. “Il Comune di Arena – si legge in una nota – tra i primissimi della provincia di Vibo Valentia, ha già distribuito i primi voucher a favore dei nuclei familiari che, a seguito della emergenza in corso relativa alla epidemia da Covid-19, si trovano in momentaneo stato di difficoltà economica tale da non consentire di soddisfare i bisogni più urgenti ed essenziali. Un piccolo contributo ma un concreto segno di vicinanza alle persone che in questo momento stanno soffrendo maggiormente la crisi economica”.

21 i nuclei familiari interessati. In prima battuta, i buoni spesa sono stati consegnati a coloro i quali nel mese di marzo abbiano registrato un reddito familiare complessivo inferiore a 700 euro e che, al momento della domanda, non disponevano di risparmi immediatamente liquidabili superiori a 2500 euro: ventuno sono stati i nuclei familiari interessati dalla distribuzione dei buoni spesa, per un importo complessivo di quasi 4mila euro. “Per i restanti 8mila – hanno fatto sapere dal Comune di Arena – nella mattinata di domani sarà convocata la Giunta comunale per definire i nuovi criteri, il bando, quindi, sarà riaperto nei prossimi giorni e, presumibilmente, subito dopo Pasqua saranno distribuiti nuovi buoni spesa alle famiglie arenesi, in maniera da effettuare una seconda consegna”.

Le altre iniziative: mascherine e un pensiero ai defunti. Gli amministratori arenesi hanno anche rivolto un “sentito” ringraziamento ai commercianti arenesi – gli alimentari di Claudia Gentile, di Giuseppe Demasi, di Patrizia Altamura e la macelleria di Pisano Michele – che hanno voluto costituire un fondo di solidarietà, sotto forma di donazione di beni alimentari pari al 10 per cento del valore dei buoni spesa, per l’istituzione di un banco alimentare. Inoltre nei giorni scorsi “è terminata la consegna a tutti i nuclei familiari delle mascherine in tnt, tessuto non tessuto, idrorepellente, sterilizzabile e lavabile, realizzate e donate gratuitamente all’Ente dall’azienda produttrice di divani di Alessandro Pagano, che ad Arena è anche consigliere comunale”. Infine, a ridosso del cancello di ingresso del cimitero comunale, chiuso al pubblico con apposita ordinanza sindacale, “sarà collocato un cuscino di fiori in onore di tutti i defunti, con il Comune a farsi portavoce ed interprete del sentimento comune di chi nel periodo pasquale dovrà rinunciare alla visita cimiteriale”.



In questo articolo: