Sgarbi: “Pittelli? Un innocente in carcere. Rischia la vita per il Coronavirus”

Parole dure sull’indagine Rinascita Scott: “Su 340 arrestati, 200 liberati: vuol dire che il magistrato che ha firmato le ordinanze ha sbagliato”

“Una vicenda che grida vendetta”.  Vittorio Sgarbi, intervistato da Il Riformista, Vittorio Sgarbi, parla dell’ex parlamentare e avvocato Giancarlo Pittelli, arrestato nell’ambito dell’inchiesta Rinascita-Scott condotta dal capo della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e detenuto a Nuoro. “Un avvocato che sto seguendo personalmente perché su di lui ci sono solo intercettazioni telefoniche da cui non risultano evidenze, e soffre una prostrazione comprensibile. E oggi questo innocente in galera da quattro mesi senza giudizio rischia la vita per il coronavirus”. Poi Sgarbi si sofferma sull’inchiesta: “Su 340 arrestati, 200 liberati: vuol dire che il magistrato che ha firmato le ordinanze ha sbagliato, e di parecchio. Ci sarebbe da prendere e da arrestare chi porta in carcere innocenti, perché il coronavirus è una doppia tragedia, colpisce due volte chi è ferito nella sua dignità, e sconta una pena per cui non sono neanche stati ancora condannati”. Basta “un solo innocente in galera a dannare chi l’ha voluto lì – aggiunge Sgarbi -, è meglio un colpevole libero che un innocente in galera. Personaggi alla Gratteri non fanno il bene della giustizia, fanno il loro bene personale”.



In questo articolo: