Coronavirus, il sindaco di Vibo in diretta su Facebook: “La città regge bene” (VIDEO)

Il primo cittadino ha interloquito con i vibonesi sui social. Tanti i temi legati all’emergenza: il nuovo contagio, i controlli, gli inviti a rimanere a casa

Posted by Maria Limardo Sindaco on Tuesday, March 17, 2020

Diretta facebook per il sindaco di Vibo, Maria Limardo. Il primo cittadino ha parlato ai vibonesi interloquendo con loro e rispondendo alle numerose domande pervenute sulla chat. A darle manforte con suggerimenti vari il vicesindaco Domenico Primerano.

Come fare la quarantena. “La persona contagiata deve rimanere da sola in una stanza e possibilmente in un solo bagno. Non ci si può mettere a pranzare, a giocare, a sgranocchiare patatine in casa vicino ai parenti”.

Le persone scese dal Nord. “Non siamo sicuri che tutti rispettino la quarantena. Bisogna isolarsi”.

Il nuovo caso. “Si è verificato a Vibo, nel territorio comunale. E’ a casa in isolamento e mi auguro che faccia una quarantena per bene. Lo abbiamo saputo tramite i canali ufficiali dell’Asp. Non so se la persona provenisse dal Nord, so che c’è un tampone positivo. Non so aggiungere altro, sono notizie rigorosamente riservate”.

Pochi controlli?. “Ci sono moltissime persone che violano i controlli, ci sono persone che hanno scarsissimo civico. I controlli ci sono ed i vigili urbani stanno fermando le persone. Abbiamo operanti su tutto il territorio anche se sono soltanto sei vigili ed i controlli a tappeto sono impossibili”.

La raccolta dei rifiuti. “La raccolta procede ordinariamente, soltanto quelle persone che hanno ricevuto l’ordinanza di quarantena devono fare la raccolta indifferenziata”.

Curva di stima dei possibili casi positivi.  “Non ho una curva a disposizione, ma se riuscissimo a mantenere questo trend potremmo ritenerci soddisfatti ed abbiamo il minor numero di contagi sul territorio”.

Sanificazione sospesa?. “No è stata rafforzata e da oggi abbiamo dato il via con una nuova ditta che dovrebbe pulire anche i marciapiedi affiancando la Dusty”.

Uso dell’esercito?. “Potrebbe essere una buona idea, ma se a Vibo continuiamo a comportarci bene non ne abbiamo bisogno. I nostri cittadini stanno mostrando elevatissimo senso civico”.

No alle uscite all’aperto. Ma perchè camminare? Fatevi il giro delle case a piedi. Non è necessario uscire, tranne che per la spesa o per necessità mediche. Non alla spesa ogni giorno. Facciamo un fioretto, non abbiamo bisogno di comprare ogni giorno il pane fresco”.

Ospedale. “Sono in contatto permanente sia con l’ospedaleanche con il dipartimento prevenzione dell’Asp che sta facendo un ottimo lavoro”.

Ben 145 ordinanze firmate. “Ho firmato l’ultima ordinanza poco prima della diretta. Ulteriori misure per contrastare l’emergenza: chiusura dei distributori automatici dalle ore 19:30 alle ore 07:00. No agli assembramenti nelle ore serali vicino ai distributori”.

Pasqua e l’affrontata? “Speriamo, la Pasqua sarà tra un mesetto. Speriamo, non lo so”.

Autolavaggi aperti. “E’ bene che rimangano aperti, ma non è necessario prendere a pretesto il lavaggio della macchina per uscire. Stiamo a casa, chiedo la massima collaborazione”.

Casi di terapia intensiva nel Vibonese?. “Grazie a Dio no, mi pare di no”.

Piscopio e Longobardi. “Non hanno subito una restrizione maggiore. Nel momento in cui sono stata informata della presenza di un caso positivo su Piscopio, ho subito mandato una pattuglia a presidiare. I controlli non sono rimasti fermi a quei due paesi, ma si sono poi diffusi tu tutto il territorio comunale”.

I cittadini si incontrano per bivaccare? “Non si è capito niente, non posso organizzare la pizza nell’androne del condominio, o magari invito la famiglia di sopra o di sotto. Le famiglie devono stare nelle loro case, non è momento di fare conviviale”.

Neanche io mangio con mia mamma. “La nostra bella Vibo si deve tutelare, serve senso di responsabilità. Siamo in emergenza sanitaria e dobbiamo rimanere nelle nostre case. Mi guardo ad esempio di mangiare insieme a mia mamma o a mangiare con mia cognata.

La raccolta fondi della Giunta. “Oggi abbiamo mandato come Giunta una raccolta fondi, lo leggerete presto sui giorni. Si stanno prodigando anche i consiglieri comunali che sarà prioritariamente destinata all’acquisto del materiale sanitario”.

Chiusura dei negozi che non hanno beni di necessità. “Il 90% dei negozi è chiuso. Non è necessario solo il negozio di alimentari, ma anche i negozi di elettricità o che vendono prodotti igienici devono rimanere aperti”.

Cimitero. “Non si può far entrare un certo numero di persone. Abbiamo pochissimo personale. Ad oggi c’erano nel comune più di 100 persone assenti per motivi giustificati”.

Una diretta al giorno. “Vi terrò compagnia per un’ora al giorno e spero di potervi incontrare anche domani”. Chi vuole aggiornamenti ci può contattare su whatsapp al numero 3668549242 scrivendo la parola ATTIVA”.

Coronavirus a Vibo: “Troppa gente per strada senza valido motivo”