Non fu suicidio, una condanna a 16 anni per l’omicidio di Natale

Una donna di 36 anni di origini dominicane venne uccisa dall’uomo con cui aveva una relazione sentimentale

Angel Manuel Garcia, 27 anni, dominicano d’origine, è stato condannato a 16 anni di reclusione dal Tribunale di Paola per la morte di Medina Pena, la donna uccisa il 23 gennaio 2018 a Scalea in quello che venne definito l’omicidio di Natale. Il corpo esanime della vittima era stato trovato da un vicino di casa, riverso per terra, in un lago di sangue. L’ipotesi di un suicidio non convinse gli investigatori. Tra i due, infatti, c’era un rapporto sentimentale. Tesi portata avanti dalla Procura di paola, diretta da Piepaolo Bruni. Ma ad inchiodare l’imputato sono state le sue contraddizioni, nelle varie dichiarazioni. I familiari della vittima si sono costituiti parte civile.