Unical, rinnovato il consiglio d’amministrazione: cambiano sette membri

Restano in carica il rettore, fino a fine mandato, e i due rappresentanti degli studenti, Gaetano Calagna e Vincenzo Delle Donne, eletti lo scorso anno

Si rinnova il Consiglio di amministrazione dell’Università della Calabria dopo la scadenza del mandato dei componenti interni ed esterni. Restano in carica il rettore, fino a fine mandato, e i due rappresentanti degli studenti, Gaetano Calagna e Vincenzo Delle Donne, eletti lo scorso anno e che manterranno la nomina fino al 9 giugno 2021. Cambiano invece cinque membri interni e i due membri non appartenenti ai ruoli dell’ateneo. Fanno, inoltre, parte del Consiglio di amministrazione a titolo consultivo, senza influire sul numero legale, il prorettore e il direttore generale.

“Mantenendo fede a quanto annunciato nel mio programma di governo – ha dichiarato il rettore Nicola Leone – abbiamo selezionato profili di elevata qualificazione scientifica e culturale, di cui 3 su 7 sono donne, rispettando pienamente il vincolo della parità di genere. L’altro elemento di grande rilievo, è stato, per la prima volta dall’entrata in vigore della legge Gelmini, la designazione nell’organo d’ateneo, di un componente del personale tecnico amministrativo. Un giusto riconoscimento al lavoro di quanti, ogni giorno, sono il motore della macchina amministrativa dell’Unical”. Lo Statuto prevede che i cinque membri interni all’ateneo, siano selezionati in un elenco di nominativi formato sulla base di un avviso pubblico, di cui quattro proposti dal rettore e designati dal Senato accademico e uno proposto dal Senato e designato dal rettore. I prescelti, infine, sono nominati nel Consiglio di amministrazione con decreto rettorale. Molte le domande pervenute in risposta all’avviso pubblico, da parte di professionisti altamente qualificati, tra i quali anche un ex rettore di un’università del Nord.