Paravati, le apparizioni di Medjugorje e la testimonianza di Mara Santangelo

Una buona notizia che si aggiunge alle autorizzazioni da parte del Vaticano ai pellegrinaggi nei luoghi della Bosnia Erzegovina dove è comparsa la Vergine

Sarebbero vere le apparizioni della Madonna avvenute dal 24 giugno al 3 luglio 1981 a Medjugorje. La notizia è stata riportata con ampio risalto nelle ultime ore da alcuni organi di informazione tra cui TgCom24. Nelle conclusioni della relazione finale della Commissione Internazionale di inchiesta, istituita a suo tempo da Benedetto XVI e presieduta dal cardinale Camillo Ruini, si afferma che non vi è stata “nessuna origine demoniaca delle apparizioni e neanche manipolazioni”. Una buona notizia che si aggiunge alle autorizzazioni da parte del Vaticano ai pellegrinaggi nei luoghi della Bosnia Erzegovina dove quaranta anni fa è comparsa la Vergine.

TgCom24 riporta, inoltre, che “si è indagato anche sul rapporto tra i veggenti e il denaro, un rapporto che nella Relazione sarebbe definito “ambiguo”. Ma si precisa che questa ambiguità “più che situarsi sul versante dell’immoralità, si situa nel versante della struttura personale, spesso priva di un solido discernimento e di un coerente orientamento, anche perché è mancata loro una attendibile e continuativa guida spirituale, nel corso di questi trent’anni. Vi sono, semmai, molti indizi di protagonismi spirituali esibiti e di relazioni pastorali mancate”. Certo il cammino è ancora lungo affinchè la chiesa riconosca fino in fondo le apparizioni di Medjugorje.

Ma al di là dei prudenti tempi della Chiesa la collina delle Apparizioni della Bosnia Erzegovina è oggi segno di Speranza. Luogo di pace e di conversione. A noi in questa occasione ci piace riportare su Medjugorje la testimonianza – che abbiamo ritrovato nei nostri appunti, alla voce “apparizioni”- offerta qualche anni fa a Paravati, dopo un momento di preghiera davanti al Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime e alla tomba della Serva di Dio Natuzza Evolo, dalla tennista internazionale Mara Santangelo che nel 2006 ha conquistato il titolo di Campione del Mondo a squadre (Fed Cap) e che nel 2007 ha raggiunto la semifinale di Wimbledon.

La tennista in quella occasione ebbe modo di parlare davanti a tantissimi giovani della sua vita di atleta segnata da sua serie di successi nonostante una malformazione ai piedi che ha rappresentato per lei il primo “avversario” da battere e a seguire del momento buio che ha attraversato, dopo un grave infortunio subito che ha bloccato la sua ascesa nel mondo del tennis che l’aveva portata fino a Wimbledon il tempio del tennis mondiale. Una fase che Mara Santangelo ha riferito di avere superato “dopo una notte di veglia e preghiere, di una luce che ha rapito il mio cuore e successivamente sulla Collina delle Apparizioni di Medjugorje dove ho ritrovato la forza per rialzarmi grazie alla Madonna che mi ha accolto tra le sue braccia”. A questo punto Mara raccontò ai presenti di essersi riconciliata con se stessa e con Dio accettando anche la sofferenza della perdita della mamma avvenuta quando lei aveva solo 16 anni. La forza della Fede. La bellezza dei Santuari dello Spirito: Lourdes, Fatima, i luoghi di Padre Pio, la Villa della Gioia di Paravati e la collina delle Apparizioni di Medjugorje. E’ davvero ricco di tappe il buon cammino dei tanti cercatori di Dio.