Gettonopoli a Catanzaro, il consigliere comunale Fiorita si difende davanti al pm

Ha fornito la sua versione dei fatti rispetto alle false verbalizzazioni delle riunioni della prima e della quarta commissione consiliare

Ha fornito la sua versione dei fatti, il docente Nicola Fiorita, consigliere comunale dimissionario di “Cambiamento” nell’ambito dell’inchiesta istruita dal sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Pasquale Mandolfino.

Fiorita, accompagnato dall’avvocato Danilo Iannello, si è difeso dalle accuse che gli vengono contestate: truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e uso di atto falso nel corso dell’interrogatorio al quale si è sottoposto questa mattina e che è durato circa due ore. In particolare, ha chiarito la sua posizione in merito alle false verbalizzazioni delle riunioni della prima e della quarta commissione consiliare per un importo totale di 192,60 euro a titolo di gettoni di presenza.



In questo articolo: