Open Day, Iti ed Itg di Vibo aprono le porte ai visitatori (FOTO)

La scuola, rivitalizzata dal dirigente Maria Grazia Gramendola, pronta a raccogliere le sfide del territorio e formare figure richieste dal mondo del lavoro

Una scuola rinata sotto l’input di una dirigente inossidabile che ha motivato il personale e dato agli studenti una serie di input decisivi per sviluppare le proprie potenzialità: sono i fatti a segnare il nuovo corso di Iti ed Itg a Vibo Valentia sotto la guida di Maria Grazia Gramendola, dirigente scolastico da qualche anno, giunta in sede da appena tre mesi e lesta a rimboccarsi le maniche per ridare smalto a un indirizzo decisamente richiesto dal mercato del lavoro.

L’Open Day in programma per sabato 18 gennaio, quando la scuola sarà aperta al pubblico per 10 ore, dalle 9.00 alle 19.00, vedrà primi attori gli studenti, ma consentirà di apprezzare laboratori, spazi e progettualità. Un momento per raccontare al territorio l’offerta formativa, partendo dagli esempi concreti: uno su tutti è l’orto permanente, realizzato all’esterno dell’Istituto per geometri, curato dagli allievi con l’intento di ridare slancio e vitalità all’indirizzo di “Agraria alimentare e industriale”.

Attraversare i corridoi dell’Istituto tecnico per geometri e dell’Itis è un piacere assoluto: ordine, pulizia, decoro. La sinergia tra dirigente, collaboratori scolastici e personali si semplifica in una serie di atti, consueti ma non scontati. “Vado fiera dei miei ragazzi e dei miei collaboratori – spiega Maria Grazia Gramendola, ex docente di Latino e Greco e da qualche anno dirigente scolastico-. La squadra che ho a disposizione mi consente ogni giorno di ottenere risultati migliori”. E gli studenti collaborano in modo propositivo. Le opportunità non mancano. Insieme all’indirizzo di “Agraria agroalimentare e agroindustria” sono sei le strade che si possono scegliere per costruire il proprio futuro: “Elettronica ed elettrotecnica”, “Informatica e telecomunicazioni”, “Chimica materiali e biotecnologie sanitarie”, “Meccanica, meccanotronica ed energia” “Grafica e comunicazione” e “Costruzioni, ambiente e territorio”.

Ma la scuola deve essere anche altro, secondo la dirigente Gramendola. “Bisogna tornare a parlare ai ragazzi un linguaggio che conoscono e motivarli affinchè lo studio non sia mera erudizione ma confronto dialettico, opportunità di scelta, possibilità di trovare un lavoro. E sappiamo bene che ai nostri allievi, se ben formati, le richieste non mancano, in ambito territoriale e nazionale”.  Per sabato 18 gennaio è previsto l’Open Day: e gli ospiti che vi parteciperanno avranno in omaggio dagli allievi le talee. Insomma, “una scuola che accoglie”, in modo ordinato e composto i propri visitatori, richiamando un territorio che ha bisogno di quelle competenze che Itis ed ItG consentono di acquisire