Le 5 cose migliori da fare e da vedere a Roma

Italiani o stranieri che siano, tutti vorrebbero visitare almeno una volta Roma, la Città Eterna: con un patrimonio storico, culturale, archeologico e artistico unico al mondo, questa destinazione attrae ogni anno milioni di visitatori provenienti da ogni parte del Globo.

Ecco perché indicare le 5 migliori cose da fare e da vedere a Roma è davvero difficile: tuttavia, se non sei mai stato nella Capitale d’Italia vogliamo darti qualche indicazione sulle cose che davvero non puoi perderti.

Cosa vedere o fare a Roma?

Come dicevamo, limitarci a poche voci di cose da fare a Roma è quasi offensivo rispetto alle numerose attrazioni e monumenti che andrebbero visitati venendo qui, ma possiamo immaginare che possa capitare il bisogno di concentrare nel giro di pochi giorni la visita alla città.

Da questo punto di vista, se il tuo fine settimana o il tuo breve viaggio a Roma sono scanditi perfettamente nei tempi, vogliamo darti un ulteriore consiglio. Se devi arrivare all’eroporto di Roma per raggiungere la Città Eterna c’è un modo comodo per risolvere il problema del parcheggio e del trasporto dal centro città a Fiumicino e viceversa: clicca su Looking4.com per prenotare un parcheggio all’aeroporto di Fiumicino, così da rendere ancora più semplice programmare con cura la tua visita a Roma.

Detto ciò, bando ad ulteriori indugi e vediamo effettivamente cosa non puoi perderti durante un viaggio nella città capitolina: ecco una lista delle 5 cose migliori da fare e vedere a Roma.

 

1) Il Colosseo

Probabilmente possiamo apparirti scontati, ma l’identificazione di Roma (e forse dell’Italia intera) con tale monumento è quasi automatica, tanto che è diffusa la leggenda per cui quando e se cadrà il Colosseo, anche Roma cadrà trascinando con se tutto il mondo.

Se si tratta della tua prima volta a Roma e, soprattutto, se non hai mai visitato la zona archeologica, il Colosseo (noto anche come Anfiteatro Flavio) costituisce il monumento più grandioso che ci derivi dall’epoca antica e un ottimo modo per poter apprezzare la storia della città, senza contare anche al rilievo archeologico di questa costruzione, che può vantare quasi 2.000 anni di vita.

 

2) Il Pantheon

Un altro simbolo di Roma che deriva dall’antichità è questo antichissimo tempio pagano, poi convertito in chiesa cristiana. Leggenda vuole che il Pantheon sia stato edificato nel luogo in cui Romolo – il fondatore mitico di Roma – morì, per essere poi afferrato da un’aquila e trasportato in cielo.

Il tempio era dedicato a tutte le divinità e venne fatto costruire dall’imperatore Adriano. Convertito in basilica cristiana nel 609 d.C., nel corso dei secoli vi hanno trovato l’eterno riposo molti personaggi illustri, come Raffaello Sanzio e, dopo l’Unità d’Italia, sovrani e regine del Regno d’Italia. Da apprezzare la maestosa cupola, da cui gli architetti rinascimentali hanno tratto ispirazione per San Pietro, e il celebre colonnato.

 

3) Piazza Navona

Se vogliamo parlare di luoghi assolutamente iconici della Roma più glamour, uno di questi è senz’altro rappresentato da Piazza Navona. Qui i turisti e i romani possono rilassarsi sedendo ad un tavolo di un bar, circondati da architetture e sculture barocche.

La piazza sorge sul luogo in cui anticamente si trovava lo stadio di Domiziano: ciò si può ancora notare osservando la forma ovale dello spazio, che fino al XIX ha ospitato giochi e manifestazioni sportive. Piazza Navona è nota anche per la bellissima Fontana dei Quattro Fiumi, costruita dal Bernini e dedicata al Gange, al Danubio, al Rio della Plata e al Nilo, ognuno dei quali rappresentato da un gigante posto su una roccia che ospita anche un antico obelisco.

 

4) Basilica di San Pietro

Culla e centro pulsante della cristianità, la cupola di San Pietro – pur non essendo ufficialmente parte del territorio di Roma – è probabilmente uno dei luoghi simbolo della città, insieme al colonnato che cinge la piazza antistante.

L’architettura costruttiva è stata realizzata da giganti della storia dell’arte italiana: il progetto della cupola si deve a Michelangelo, mentre la realizzazione del portico è del Bernini. Inoltre, la Basilica custodisce anche numerosi altri esempi artistici del Rinascimento e del barocco romano, come la Pietà (ancora di Michelangelo), nonché la Cattedra di San Pietro e il famoso Baldacchino.

 

5) Shopping per le vie del centro

Se c’è una cosa che un turista a Roma deve senz’altro concedersi è un po’ di sano shopping presso uno dei tanti negozi (lussuosi, vintage, di artigianato o appartenenti alla grande distribuzione) che si trovano lungo le vie del centro.

Partendo da Piazza di Spagna, altra meta imperdibile a Roma, si può proseguire lungo l’altrettanto celebre Via del Corso e Via Condotti, dove tra un susseguirsi di botteghe e negozi alla moda, si può arrivare a visitare anche la splendida Piazza Venezia con il suo Altare della Patria.

Altro luogo in cui è possibile fare acquisti, sebbene di tutt’altro genere, è Campo dei Fiori: nota per il fatto che qui avvenne la condanna a morte di Giordano Bruno (filosofo inviso alla Chiesa per le sue teorie scientifiche), oggi questo luogo è uno dei centri della frenetica vita romana, grazie al mercato aperto che vi si tiene tutti i giorni di mattina e al gran numero di locali per giovani durante la notte.