“Sei proprio un terrone e mi fai schifo”, insegnante di Varese sospesa per sei mesi

La donna, secondo quanto accertato dagli investigatori, avrebbe maltrattato i minori con urla, insulti e frasi volgari. Si tratta di una maestra di un asilo nido

Maltrattamenti su bambini di uno e due anni in un asilo nido di Cocquio Trevisago, nel Varesotto: insegnante sospesa per sei mesi. Il provvedimento, disposto dal gip del Tribunale di Varese, è  scattato al termine di un’indagine dei carabinieri, nata dalle segnalazioni pervenute da alcuni genitori dei piccolissimi alunni. In un caso, una mamma e un papà hanno riferito che il loro bimbo soffriva di insonnia, incubi notturni e manifestava reazioni autolesionistiche, segnali che hanno indotto a ritirare il piccolo dall’asilo.

In circa due mesi di indagine i militari dell’Arma, coordinati dalla Procura di Varese, hanno documentato una serie di violenze da parte della maestra titolare del nido sui bambini a lei affidati.  La donna, secondo quanto accertato dagli investigatori, avrebbe maltrattato i minori con urla, insulti e frasi volgari: “sei proprio un terrone”, “guardati, fai schifo”, “piangi che cosi’ ti passa” alcune delle frasi pronunciate. In alcune occasioni i piccoli sarebbero stati percossi con sculacciate e schiaffi e lasciati da soli mentre erano in preda a crisi di pianto. La maestra ha ammesso di aver ‘ospitato’ all’interno della struttura il proprio compagno. L’uomo, spiegano i carabinieri, è stato ripreso mentre dormiva e si cambiava davanti ai piccoli, ma anche in intimità con l’indagata che, dopo aver lasciato soli i bambini, si appartava con il compagno all’interno di un locale fuori dalla vista dei minori.

CONTINUA A LEGGERE QUI