Violazione della sorveglianza speciale, assolto pregiudicato del Vibonese

L’uomo era stato condannato in primo grado ad otto mesi di reclusione e due anni di libertà vigilata

La corte d’Appello di Catanzaro, Seconda sezione penale, ha assolto Filippo Gentile, pregiudicato di Zambrone, nel Vibonese, già coinvolto nell’operazione Dinasty, dal reato di violazione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno. Gentile, nel febbraio 2013, era stato sottoposto a controlli e pedinamenti da parte dei carabinieri di Zungri e tratto in arresto per violazione degli obblighi. Il tribunale di Vibo Valentia aveva condannato Gentile alla pena di 8 mesi di reclusione e 2 anni di libertà vigilata, ma la corte d’Appello in accoglimento dei rilievi della difesa (avv Francesco Sabatino) ha assolto l’imputato