Minacciò la moglie con una motosega, arrestato per maltrattamenti in famiglia

L’uomo è stato sorpreso dai carabinieri mentre stava cercando di picchiare la donna che ha ricostruito anni di violenze fisiche e psicologiche

Nel pomeriggio di venerdì, in Chiaravalle Centrale (CZ), i Carabinieri della locale Stazione, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 67enne del posto, gravemente indiziato di maltrattamenti nei confronti di familiari e conviventi.

Nella circostanza, i Carabinieri, a seguito di una telefonata pervenuta al 112, sono intervenuti in un’area rurale ove era stata segnalata una lite in atto. Sul posto veniva notato sin da subito l’indagato che, in evidente stato di agitazione psicofisica derivante dall’abuso di alcolici, incurante della presenza dei Carabinieri, inveiva e minacciava la moglie, cercando di colpirla con una manata, tentativo reso vano grazie all’intervento dei militari. Presso gli uffici della Stazione Carabinieri di Chiaravalle Centrale, la donna ha ricostruito le sistematiche violenze fisiche e psicologiche subite da diversi anni da parte del marito, che, in una circostanza, mentre tagliava la legna in giardino, l’aveva anche minacciata di morte maneggiando una motosega.

L’uomo è stato tratto in arresto in flagranza di reato per maltrattamenti contro familiari e conviventi. Il gip di Catanzaro ha convalidato l’arresto, disponendo la misura cautelare degli arresti domiciliari presso un’altra abitazione, con contestuale divieto di comunicare con persone diverse da quelle conviventi, anche telefonicamente o telematicamente.