Infiltrazioni mafiose, sciolto nella Locride il Comune di Africo

Nel piccolo centro del Reggino subentra la gestione commissariale

Sciolto per infiltrazioni mafiose il consiglio comunale di Africo, in provincia di Reggio Calabria. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, a seguito “di accertati condizionamenti da parte delle locali organizzazioni criminali, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”. Il Comune era guidato dal sindaco Francesco Bruzzaniti, eletto nel 2016 a capo di una lista civica. A seguito della decisione dell’esecutivo Conte decadono tutti gli organi elettivi e l’amministrazione verrà affidata a una commissione di gestione straordinaria.