Arsenale di armi in casa del presunto usuraio, imprenditore arrestato a Lamezia (VIDEO)

I finanzieri hanno trovato anche 167mila euro in contanti nascosti in un mobile di casa. Per gli inquirenti sarebbero il provento dell’usura

Due revolver, cinque pistole semiautomatiche perfettamente funzionanti, dieci caricatori con 645 munizioni di vario calibro, un ordigno costruito artigianalmente del peso di circa un chilo e sette quintali di artefizi pirotecnici. E’ quanto i militari della Guardia di finanza del Gruppo di Lamezia Terme hanno trovato in due appartamenti nella disponibilità (anche se formalmente a lui non riconducibili) di Carmelo Furci, l’imprenditore lametino, ritenuto dagli inquirenti un usuraio, arrestato questa mattina.

Un arsenale in casa. All’interno i militari hanno scovato un vero e proprio arsenale, costituito anche da sette pistole, delle quali tre avevano la matricola abrasa o punzonata; due, invece, sono risultate rubate e per altrettante sono in corso gli accertamenti per stabilirne la provenienza. I finanzieri hanno eseguito a carico di Furci un’ordinanza di misura cautelare personale e reale, disposta dal gip presso il Tribunale di Lamezia terme, su richiesta della Procura, per le accuse si estorsione e usura. Nell’ambito della perquisizione domiciliare hanno scoperto come uno degli appartamenti fosse stato adibito a deposito di materiale esplosivo, che è stato rimosso, dal momento che l’innesco avrebbe potuto arrecare gravi danni alle cose e soprattutto alle persone.

Denaro nascosto in un mobile. Le fiamme gialle hanno poi trovato nascoste in un’intercapedine di un mobile 167mila euro in contanti, suddivisi in “mazzette” confezionate sottovuoto, e ritenuti il provento dell’usura. Negli appartamenti sono stati scoperti anche degli indumenti in dotazione alla polizia penitenziaria, sulla cui provenienza sono in corso le indagini del caso. Furci, quindi, oltre ai reati contestatigli in precedenza, dovrà rispondere anche di detenzione abusiva di armi, ricettazione e detenzione illecita di materiali esplosivi ed esplodenti.

LEGGI ANCHE | Operazione “Buitre Malo”, a Lamezia Terme le Fiamme Gialle sequestrano un arsenale