Serie B, il Cosenza batte la Cremonese e rialza la testa in classifica

Al San Vito – Marulla micidiale uno-due dei lupi che risolvono la pratica in appena undici minuti

Il Cosenza batte la Cremonese e rialza finalmente la testa. È questo il responso del match, disputato ieri sera, che ha chiuso il quadro della 11esima giornata di Serie B. Allo stadio San Vito-Marulla è bastato un inizio di gara micidiale alla squadra di Piero Braglia per battere i grigiorossi, che non riescono a invertire il trend negativo nemmeno dopo l’arrivo di Marco Baroni in panchina. Undici minuti da sogno per i calabresi, che hanno chiuso la pratica prima con Sciaudone, bravo a battere Ravaglia sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 3’, poi con il francese Riviere, più veloce di tutti a raccogliere e infilare in rete la respinta del portiere della Cremonese sulla conclusione di Kanouté. Altre occasioni con Baez, Legittimo, Riviere e Sciaudone nel primo tempo dominato dal Cosenza. Partita più equilibrata nella ripresa: Baez al 47’ ha sfiorato ancora il gol del 3-0, e le speranze della Cremonese si sono stampate sul palo colpito di testa da Arini qualche secondo più tardi.

Per i rossoblù il secondo stagionale è un successo importantissimo in chiave salvezza: Il Cosenza si porta così al quartultimo posto con 11 punti. Continua, invece, il momento buio della Cremonese, al secondo ko di fila: costruita per le zone alte della classifica ma sprofondata in zona playout con appena 12 punti, la squadra grigiorossa ha collezionato due pareggi e tre sconfitte nelle ultime cinque partite