Varapodio, la città della rinascita spirituale con don Gaudioso Mercuri

Cambia il volto della cittadina reggina. Il bilancio di un anno di intense attività

Instancabile il parroco di Varapodio che dal suo arrivo nella ridente cittadina aspromontana ha totalmente cambiato il volto della stessa, e non solo in ambito religioso. È proprio così, la comunità religiosa di Varapodio respira ormai da qualche anno, una spiritualità che ha contagiato dai più grandi ai più piccoli. “C’è spazio per tutti, ognuno potrà darsi da fare per il Signore e per i fratelli” così aveva dichiarato il giorno del suo insediamento come parroco don Gaudioso, e la promessa è stata mantenuta! Sacerdote giovane, tenace. Non si contano gli eventi significativi che hanno arricchito la pastorale.

A partire dalla settimana vocazionale diocesana, celebrata in Varapodio 2 anni fa, che ha dato una scossa forte alla cittadina, che si è riversata nelle strade per accogliere le reliquie di S. Annibale Maria di Francia, e poi ha vissuto giornate di intensa preghiera e forte risveglio della fede. L’arrivo, da Monte Sant’Angelo dell’imponente effige marmorea di San Michele Arcangelo, collocata nella Chiesa di Santo Stefano e fortemente voluta dal parroco e dal popolo. La ristrutturazione della stessa chiesa ad opera dei fedeli di Varapodio senza altri aiuti economici. L’intitolazione della grande sala delle parrocchie a “Mons. Luciano Bux”.

L’arrivo delle suore Serve di Maria Addolorata, evento importantissimo che dona alla Diocesi oltre che semplicemente alle chiese di Varapodio, una nuova comunità di religiose, mentre in tutta Italia ogni settimana chiudono case di consacrate, e si estinguono Congregazioni. Durante la novena in onore di Maria Santissima Regina del Monte Carmelo, che richiama fedeli da tutto il circondario e perfino dall’Australia, quest’anno presieduta dal Vescovo S. E. Rev.ma Mons. Paolo De Nicoló, già reggente della Casa Pontificia, la comunità religiosa di Varapodio ha beneficiato di un altro momento di alta spiritualità, grazie alla presenza del prezioso Reliquiario delle lacrime della Madonna di Siracusa. Poi ancora la fondazione di una squadra di calcio parrocchiale:”Carros- Saint Michel” alla quale hanno aderito molti giovani di Varapodio, e che è diventato strumento di evangelizzazione per le famiglie. Commovente di recente l’inaugurazione della Sala intitolata a Mons. Formica, rinnovata dai padri dei ragazzi attivi in parrocchia e voluta fortemente dal parroco. Questo ultimo evento è stato vissuto come un momento di forte testimonianza, ecco le parole di don Gaudioso : “dalle tante parole siamo passati finalmente ai fatti, la carità è stata oggi concretizzata, io ho solamente detto sì, al desiderio di alcuni padri, di vedere i loro figli crescere bene, nella Chiesa, ricevendo i valori cristiani!”. Grazie a Dio per il cammino finora compiuto, carico di prospettive ricche di speranza per la comunità varapodiese.