Discariche abusive, commissario unico resterà in carica un triennio

Opererà presso il ministero dell’Ambiente e si avvarrà di una struttura di supporto composta da non più di 12 membri

Un Commissario unico per le discariche abusive cui farà capo la realizzazione degli interventi attuativi della sentenza di condanna della Corte di giustizia dell’Unione europea del 2 dicembre 2014, relativa alla procedura di infrazione europea n. 2003/2077. Scelto nei ruoli della pubblica amministrazione, resterà in carica per un triennio, opererà presso il ministero dell’Ambiente e si avvarrà di una struttura di supporto composta da non più di 12 membri appartenenti alle amministrazioni pubbliche nominati con decreto del ministro dell’Ambiente e scelti tra soggetti dotati di comprovata esperienza nel settore delle bonifiche e in
materia di affidamento dei contratti pubblici. Per struttura di supporto, nel suo complesso, è prevista una spesa annuale non superiore a 170mila euro.

“Le risorse finanziarie necessarie per le esigenze operative e per il funzionamento della struttura sono poste a valere su una quota, non uperiore allo 0,5% annuo, delle risorse assegnate per la realizzazione degli interventi”, si legge nel testo del Dl Clima approvato oggi in CDM. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore del Dl Clima verrà nominato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Ambiente. Il Commissario unico nominato con decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile 2017 cessa dal proprio incarico alla data di nomina del Commissario di cui al periodo precedente.