Morte Tiziana Lombardo, il gip di Vibo non archivia: dieci medici restano indagati

Dovranno comparire davanti al giudice per le indagini preliminari il prossimo 5 febbraio

Non arriva l’archiviazione per i dieci medici indagati per la morte di Tiziana Lombardo, la 37enne di Ricadi deceduta all’ospedale di Vibo Valentia. I professionisti compariranno davanti al gip Tribunale di Vibo Tiziana Macrì il prossimo 5 febbraio. Il giudice non ha accolto la richiesta di archiviazione per gli indagati avanzata dal pm della Procura di Vibo Valentia, Ciro Luca Lotoro, fissando così l’udienza. I medici interessati sono Rocco Fiaschè, Salvatore Falcone, Antonella D’Alessandro, Tommaso Sirgiovanni, Pasquale De Bartolis, Daniela Fusca, Gianfranco Marataro, Marianna Carnevale, Oscar Cervadoro, Vincenzo Mangialavori.

La donna era alla sua seconda gravidanza quando avrebbe accusato un malore perdendo i sensi mentre stava per allattare la neonata. Sarebbe poi seguito l’intervento dei medici per sottoporla ad esami di laboratorio e strumentali per capire cosa avesse provocato il malore. Trasferita in sala operatoria la diagnosi parla di un’emorragia addominale massiva che ha provocato per due volte uin arresto cardiaco per ben due volte Tiziana prima dell’intervento chirurgico.

LEGGI ANCHE | Tragedia all’ospedale di Vibo, Tiziana Lombardo uccisa da un aneurisma addominale

LEGGI ANCHE | Morì dopo il parto a Vibo, in un libro la storia di Tiziana (VIDEO)