“Mediterraneo nel borgo”, a Stefanaconi tre giorni per raccontare cibo e territori

Nel corso dell’evento i prodotti di punta della gastronomia calabrese saranno presentati in apposite aree espositive

E’ in piena attività la macchina organizzativa per la preparazione dell’evento “Mediterraneo nel borgo”, un’iniziativa di grande spessore culturale che si terrà a Stefanaconi , dal 26 al 28 settembre, e il cui ricco programma prevede lo svolgimento di alcune manifestazioni anche alla Baia di Riaci, rinomata località della Costa degli Dei. Finalizzata a individuare strategie e buone pratiche per promuovere il recupero e la salvaguardia del borgo, soprattutto attraverso il buon cibo e la valorizzazione delle sue peculiarità culturali, la manifestazione è stata ideata da Salvatore Solano, sindaco di Stefanaconi e presidente della Provincia di Vibo Valentia. Tra gli obiettivi di “Mediterraneo nel borgo” vi è la creazione di una “filiera diffusa”, capace di stimolare la crescita economica e sociale del territorio. Protagonista di spicco il rinomato pane di Stefanaconi, la cui notorietà, come anche quella degli altri prodotti della gastronomia locale, può rappresentare un elemento di primo piano nello sviluppo dell’economia locale.

Nel corso dell’evento i prodotti di punta della gastronomia calabrese saranno presentati in apposite aree espositive: più di dieci, infatti, sono gli stand nei quali gli ospiti potranno degustare, oltre ai deliziosi prodotti gastronomici locali, anche quelli delle altre province calabresi. Talk show a tema, seminari, workshop, show cooking, gare culinarie e panel tematici si alterneranno a concerti, laboratori d’arte, esibizioni di artisti di strada, giochi, spettacoli, esposizioni, in un programma ricchissimo di ospiti e di appuntamenti che mirano ad esaltare identità, tradizioni e cultura gastronomica della regione.

“Mediterraneo nel borgo” punta inoltre a creare un brand unico a livello nazionale, in grado di coniugare cucina, musica e arte, in una visione rinnovata dei borghi come attrattori turistici. Oltre ai rappresentanti delle istituzioni, l’evento vedrà una nutrita partecipazione di ospiti, tra i quali tre chef stellati calabresi (Luca Abbruzzino, Nino Rossi e Riccardo Sculli) ed esperti di grande prestigio e spessore scientifico, tra i quali Silvio Greco, capo del Consiglio scientifico di Slow Food, e Rosario Previtera, presidente e fondatore della rete di imprese Lykion per la filiera multiregionale del Goji italiano.

Complessa e articolata la macchina organizzativa: Fortunato Carnovale, chef di fama internazionale, coordinerà gli eventi culinari, mentre la direzione artistica è affidata a Piero Muscari, storyteller e giornalista, consulente in marketing e comunicazione. L’organizzazione in loco sarà a cura della Pro loco Motta San Demetrio di Stefanaconi, guidata da Francesco Chiarella. Responsabile degli allestimenti, infine, la Modo Promotion, azienda che da oltre 15 anni è leader nell’organizzazione e gestione di grandi eventi.