La “Costa degli dei” meta turistica preferita da russi e statunitensi

Tra il 2011 e il 2017 gli arrivi a Tropea sono aumentati dal 99%. Positivi i dati anche per Ricadi-Capo Vaticano e Zambrone

Secondo il Sole24Ore in edicola oggi, Tropea è la metà turistica più ambita da russi e americani. La sua posizione, scrive il quotidiano economico, all’estremità dello sperone che a sud del Golfo di Lamezia si protende verso le Eolie e culmina nel Capo Vaticano, protetta dal Monte Poro alle spalle e dallo strapiombo sul mare, la rende uno dei posti più affascinanti di tutta la costa tirrenica.

In questa città le presenze turistiche sfiorano due milioni all’anno, in progressione costante negli ultimi dieci anni e con percentuali importanti: + 99%  gli arrivi a Tropea tra il 2011 e il 2018, almeno secondi  dati dell’Osservatorio sul turismo della Regione Calabria. Positivi anche i numeri degli altri comuni del distretto turistico “Costa degli dei”: + 42% Ricadi-Capo Vaticano, + 59% Zambrone. Tropea ha particolarmente “stregato” gli stranieri, con una presenza peri al 60 % dei turisti che arrivano in città. E se i tedeschi sono diminuiti, attratti da altre mete, si registra un aumento esponenziale di russi e statunitensi.