C’è un’altra Terra che può ospitare la vita. “Svolta eccezionale”

L’astrofisica Tinetti: “Così abbiamo trovato l’acqua nel nuovo pianeta”

C’è acqua nell’atmosfera di un pianeta che si trova a 110 anni luce dalla Terra e che ruota intorno a una stella più piccola e fredda del Sole, alla distanza ideale per avere una temperatura che permetta all’acqua di essere allo stato liquido e, forse, per poter ospitare la vita. La scoperta è una prima assoluta e ricca di promesse: potrebbe essere solo l’inizio della capacità di trovare molti altri mondi simili. Pubblicata su ‘Nature Astronomy’, la scoperta è del gruppo dell’University College di Londra di cui fanno parte Angelos Tsiaras, la torinese Giovanna Tinetti e Ingo Waldmann. Il pianeta si chiama K2-18 b ed era stato scoperto nel 2015 dal telescopio spaziale Kepler della Nasa. È una delle centinaia delle cosiddette super Terre, ossia pianeti con una massa compresa fra quelle della Terra e di Nettuno. La sua massa è otto volte superiore a quella del nostro e al momento è l’unico pianeta esterno al Sistema Solare ad avere sia acqua, sia temperature che potrebbero sostenere la vita.

CONTINUA A LEGGERE QUI