Scoperta acqua su un pianeta simile alla Terra: è a 110 anni luce

Possiede temperature compatibili con l’esistenza di forme di vita. Un’italiana nel team: “15 anni di lavoro”

Scoperto vapore acqueo nell’atmosfera di un pianeta dalla massa simile a quella alla Terra e distante 110 anni luce: si tratta della prima volta. Il suo nome è K2-18 b e si trova alla distanza giusta dalla sua stella per avere temperature compatibili con l’esistenza di forme di vita. K2-18 b, per la precisione, è un esopianeta, essendo esterno al Sistema Solare, ha una massa otto volte superiore alla Terra- per questo fa parte del gruppo delle “super terre” – la sua stella, chiamata K2-18, è una nana rossa più piccola e fredda del Sole, ma molto attiva, tanto che l’ambiente potrebbe essere un ambiente più ostile della Terra perché potenzialmente esposto a più radiazioni.

UN’ITALIANA NEL TEAM – Pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, la scoperta è frutto del lavoro di un gruppo di studiosi dell’University College di Londra coordinato da Angelos Tsiaras e di cui fa parte l’italiana Giovanna Tinetti che ha commentato: “E’ un lavoro durato quindici anni e il risultato è stato ottenuto grazie allo sviluppo di algoritmi che permettono di estrarre piccolissimi segnali grazie all’intelligenza artificiale. E questo con i telescopi di oggi, quando ne avremo altri piu’ potenti – nei prossimi dieci anni – arriveremo ancora piu’ lontano”. L’esopianeta e’ stato scoperto nel 2015 dal telescopoio spaziale Kepler, mentre le osservazioni che hanno reso possibile l’individuazione di vapore acqueo sono state realizzate nel 2016 e nel 2017 con il telescopio Hubble.

 

CONTINUA A LEGGERE QUI