Paterno Calabro, inviata la commissione d’accesso antimafia

L’organo dovrà condurre accertamenti approfonditi per verificare la sussistenza di collegamenti diretti o indiretti tra amministratori o dipendenti dell’Ente con la criminalità organizzata

Il Ministro dell’Interno ha delegato il Prefetto della provincia di Cosenza ad esercitare i poteri di accesso e di accertamento nei confronti del Comune di Paterno Calabro.

Al riguardo il Prefetto Galeone ha nominato una Commissione di Accesso composta dal Roberto Micucci, Viceprefetto Aggiunto in servizio presso la Prefettura di Cosenza, dal Colonnello Michele Borrelli, Comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, da Raffaele De Marco, Vicequestore in servizio presso la Questura di Cosenza.

L’organo appena costituito dovrà condurre accertamenti approfonditi per verificare la sussistenza di collegamenti diretti o indiretti tra amministratori o dipendenti dell’Ente con la criminalità organizzata. L’attività della Commissione dovrà concludersi entro tre mesi dalla data di accesso, prorogabili di ulteriori tre mesi.