Intelligenza artificiale e formazione: le imprese sono pronte a rinnovarsi grazie al digitale

Internet ha cambiato le abitudini delle famiglie, italiane e non solo, e su questo ci sono davvero pochi dubbi. La tecnologia e il digitale, difatti, ci hanno concesso una miriade di opportunità prima considerate come (quasi) impossibili, al punto che oggi – anche volendo – non potremmo più tornare indietro.

Dalla vita di tutti i giorni al commercio, i cambiamenti apportati dalle nuove logiche del web sono diversi e soprattutto sono stati e sono ancora oggi radicali.

Di conseguenza, vale la pena approfondire questa rivoluzione digitale, andando a studiare l’impatto delle recenti innovazioni hi-tech nel mondo delle imprese.

Le aziende e il cambiamento digitale

Le aziende mutano forma, accettando le richieste di un’epoca e di un mercato sempre più in chiave digital. Perché oggi chi rimane indietro è perduto, in quanto non riesce ad andare incontro alle richieste dei propri consumatori.

Molte imprese dello Stivale dimostrano di aver imparato questa lezione: secondo una recente ricerca effettuata da HSBC, il 34% delle società globali ha tutte le intenzioni di cambiare pelle nel giro di soli 2 anni. In che modo avverrà questa rivoluzione? Intanto dando la precedenza agli investimenti nella digitalizzazione della propria struttura, a livello logistico, produttivo e non solo.

Questo per via del fatto che anche i team interni e i dipendenti entreranno al centro della suddetta rivoluzione digitale. Il 52% delle aziende, infatti, investirà in formazione, con lo scopo di dotare il proprio staff di competenze digital di massimo livello.

In secondo luogo, non vanno sottovalutati ambiti molto importanti come lo sviluppo e la ricerca, oggetto dei futuri investimenti da parte del 55% delle imprese. Fra le tecnologie più apprezzate (e più ambite) dalle società “2.0” troviamo l’intelligenza artificiale: nel prossimo futuro sarà quella impiegata più di frequente, con il suo 41%. Bene anche l’IoT (Internet of Things, 40%) e gli oggetti wearables (37%).

Quanto conta la presenza online oggi?

A questo punto sembra proprio che la presenza online sia un elemento imprescindibile per le imprese di oggi e di domani. Oltretutto oggi è ancora più semplice entrare nel mondo del web grazie ad esempio al servizio adsl di Linkem dedicati a chi possiede la partita iva.

Curare la propria presenza online, gestire il contatto con nuovi potenziali clienti, i motivi per approfittare del canale online per un’impresa non sono pochi. In primo luogo per l’importanza della pubblicità e del marketing online: questi ultimi sono infatti destinati a superare la promozione tradizionale, come si pensa avverrà entro il 2021, stando alle previsioni mosse da Zenith.

Un vero e proprio sprint guidato da alcuni comparti oggi essenziali, come nel caso dei social media e della pubblicità video sul web. Da non sottovalutare tutto il peso dell’e-commerce, che già oggi rappresenta l’anima pulsante del business online di molte società. Al punto che le imprese tricolori con uno shop elettronico sono addirittura triplicate negli ultimi 10 anni.

Non c’è dubbio: Internet ha spalancato le porte di un mondo fatto di opportunità, per le imprese e non solo. E i dati visti oggi non fanno altro che confermarlo.