In fiamme l’auto di un ex dirigente di un Comune del Cosentino. Si fa largo pista minatoria

L’auto di un ex dirigente del Comune di Mandatoriccio è stata data alle fiamme: è successo nella notte tra domenica e lunedì e ad accorgersi del rogo è stato lo stesso Cataldo Iozzi che ha immediatamente allertato i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Sul luogo dell’incendio sono state inoltre trovate delle tracce di liquido infiammabile, tipo benzina, che non fanno escludere, dunque, l’ipotesi che si sia trattato di un atto di chiara matrice dolosa.




Iozzi, in passato, è stato vittima di episodi analoghi. Il rogo arriva anche dopo un provvedimento di dissequestro dell’intero arenile a servizio del Villaggio La Ginestra, di cui Iozzi è amministratore. Il fatto è avvenuto intorno alle 3 della notte di sabato 20 luglio, nel parcheggio della residenza al mare dell’ex dirigente. Una vicina di casa aveva udito uno scoppio ed aveva allertato lo stesso Iozzi che, affacciandosi dalla finestra, ha scoperto che l’auto era in fiamme.