Appello di Gratteri ai giovani calabresi: “Non votate chi vi promette posti di lavoro e continuate a denunciare”

Il magistrato simbolo della lotta alla mafia esorta i ragazzi a riprendersi il loro futuro e aggiunge: “Stateci vicino. La guerra alla criminalità organizzata è al giro di boa”

“Nella lotta contro la mafia siamo al giro di boa”. Trasuda ottimismo il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri intervenuto a Lamezia Terme al festival Trame. Poi l’appello ai giovani calabresi: “Continuate a credere in noi, continuate a venire a trovarci a Catanzaro e a denunciare. Stiamo facendo tanti passi avanti ma continuate a starci vicini, perché il futuro non è solo dei giovani, il futuro è di noi tutti che ancora possiamo e dobbiamo fare qualcosa per cambiare il corso delle cose. Dovete ribellarvi e non votare chi vi promette posti di lavoro”. Quindi, l’invito ai lametini: “Uscite, occupate le piazze, create associazioni, fondazioni, adottate un’aiuola, allenatevi a gestire la cosa pubblica”. Insomma, “non fatevi manipolare dalla paura, impegnatevi nel sociale e smettetela di pensare al solo ristretto interesse della vostra famiglia. Lamezia non è ancora persa.Al contrario, è una città piena di intelligenze e risorse”.




Gratteri e la riforma del Csm. “La mia ricetta per la riforma del sistema giudiziario, quella sulla quale insisto da anni, è l’informatizzazione, applicando così la tecnologia al processo. Occorre poi introdurre tante modifiche fino a quando diventi non conveniente delinquere”. Così Nicola Gratteri sulla riforma della giustizia che ha anche toccato un tema di stringente attualità legato a quanto sta accadendo intorno al Csm. “Per la riforma del Csm – continua Gratteri – va creata proporzionalmente la rappresentatività di giudici e di pubblici ministeri. Vanno rimpiccioliti inoltre i collegi e proporzionalmente deve essere rappresentata tutta la magistratura, dal sud al nord. E se non si riesce a trovare un sistema migliore per i candidati, si proceda col sorteggio”.