Appalti “pilotati” alla Regione Calabria, interdizione dai pubblici uffici annullata per due dirigenti

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha annullato l’ordinanza con cui il Gip di Catanzaro aveva disposto l’interdizione dai pubblici uffici per il direttore generale Giovanni Forciniti e per il dirigente dello Sviluppo Economico presso le Regione Calabria Fortunato Varone, in quanto ritenuti responsabili del reato di abuso di ufficio.

La vicenda si inserisce in quella più ampia, dell’operazione ‘Passepartout’, che vede coinvolto il Presidente della regione Calabria e numerosi altri politici ed amministratori. L’abuso si sarebbe concretizzato nell’ambito di un procedimento di selezione pubblica avviato l’8 maggio del 2018 per la copertura dell’incarico di Direttore Generale dell’Azienda Calabria Lavoro. Giovanni Forciniti è stato difeso dall’avvocato Francesco Gambardella e dall’avvocato Aurelia Zicari. Mentre Varone è stato difeso dall’avvocato Danilo Iannello. Il Tribunale ha escluso qualsiasi violazione di legge che integrasse la condotta di abuso di ufficio.