Comune Vibo, Maria Limardo presenta la sua “squadra” e indica le priorità per la svolta (VIDEO)

E’ già braccio di ferro con la Dusty su ordine e decoro pubblico: “Atteggiamento poco collaborativo della ditta. Valutiamo procedura in danno”

E’ il giorno delle presentazioni a palazzo “Luigi Razza”. Il nuovo sindaco di Vibo Maria Limardo ha infatti illustrato la sua “squadra” amministrativa che nelle intenzioni dovrà governare la città per i prossimi cinque anni. “E’ una giunta – ha dichiarato nell’aula del Consiglio comunale dove si è svolta la conferenza stampa di presentazione – che mantiene le indicazioni e le prospettive annunciate in campagna elettorale. E’ formata da persone autorevoli e di riconosciuto prestigio sociale. Ognuno di loro saprà svolgere il suo compito di assessore e rappresentare la città sui tavoli romani e anche europei. Sono tutte persone di profilo assoluto”.

LEGGI ANCHE | Comune Vibo, tutti gli uomini e le donne del sindaco: ecco chi sono e di cosa si occuperanno (VIDEO)

Il tassello mancante. Maria Limardo non ha voluto perdere altro tempo e ha deciso di accelerare i tempi di nomina dei suoi assessori anche in mancanza dell’ultima indicazione, quella di Fratelli d’Italia. La squadra sarà inizialmente composta da otto assessori con un tassello mancante che si aggiungerà in corso d’opera appena il partito di Giorgia Meloni, dilaniato dai mal di pancia interni, avrà fatto chiarezza nella “guerra” intestina che si sta combattendo tra le varie anime: dai Pasqua a De Nisi passando per Pasquale La Gamba e suoi fedelissimi. Il sindaco non ha inteso entrare nelle diatribe interne di Fratelli d’Italia ma si è limitata a congelare il nono assessorato. “La città non può aspettare e appena ci daranno un’indicazione chiara rimoduleremo le deleghe” ha fatto sapere la Limardo.

Le priorità. Si parte dunque con una giunta a otto e due priorità da affrontare: la programmazione strategica interna che significa messa a punto della macchina comunale e della burocrazia; crisi finanziaria con l’elaborazione di un piano di riequilibrio. Due punti fondamentali già affrontati nella riunione preliminare dell’esecutivo. Preziosissimo sarà il contributo che dovranno fornire i due assessori dotati probabilmente di maggiori competenze e maggiore esperienza nei due settori “incriminati”: Domenico Primerano che ha assunto il ruolo di vice sindaco con una serie di deleghe specifiche e Maria Teresa Nardo alla quale è stata data la delega al Bilancio e ha parlato di passività da ripianare intorno ai 20 milioni di euro.

Braccio di ferro con la Dusty. Nel frattempo il sindaco è già impegnato nel suo primo braccio di ferro. Ha promesso fin da subito di mettere in ordine la città e di attuare un piano di pulizia teso a ripristinare il decoro urbano. Da quanto si apprende però ci sarebbero già problemi con la Dusty tant’è che la Limardo ha parlato in conferenza stampa di “atteggiamento poco collaborativo della ditta” minacciando la “procedura in danno”. La strada più che in discesa si presenta già in salita ma per affrontare le varie emergenze estive il primo cittadino è pronto a varare una task force. “La città non si aspetta molto – ha sottolineato – ma tutto e per tutto intendo massimo impegno, determinazione, voglia di fare, passione e abnegazione a risolvere le varie problematiche che affliggono il territorio”.