Bimbo di quattro anni precipita dal quinto piano, salvo per miracolo: non è in pericolo di vita

Il piccolo si trova ricoverato al Pugliese di Catanzaro con fratture al bacino e alle gambe. La Tac ha escluso lesioni agli organi vitali

E’ salvo e non è in pericolo di vita il bimbo di quattro anni che nel pomeriggio di ieri è precipitato dal quinto piano dell’appartamento nel quale abita con la sua famiglia. Un volo di circa 20 metri attutito dalle lenzuola stese ad asciugare e dalle corde appese ai balconi per la biancheria. Un particolare che si è rivelato fondamentale. La Tac alla quale il piccolo è stato sottoposto ha subito escluso lesioni agli organi vitale. Nella caduta ha riportato la frattura del bacino, del femore, della tibia e del perone. Ne avrà per parecchi mesi ma poteva andare decisamente peggio.




Caduta accidentale. L’incidente è avvenuto nella periferia sud di Catanzaro, in via Fares. Il bimbo era in casa insieme alla madre e ai fratellini. Secondo la ricostruzione della Polzia stava giocando sul balcone di casa saltando su un materasso mentre la mamma era impegnata nelle pulizie. Un attimo di distrazione si è rivelata fatale: il piccolo è salito sulla ringhiera, ha perso l’equilibrio ed è volato a terra. L’allarme è scattato immediatamente e sul posto si sono subito precipitati i sanitari del 118 che hanno provveduto ad immobilizzare il bimbo, a metterlo in ambulanza e a portarlo al Pugliese di Catanzaro dove si trova ora ricoverato in prognosi riservata ma non più in pericolo di vita.