Operazione “Rimpiazzo” Lia Staropoli e Giuseppe Brugnano: “Nuova identità per la Calabria attraverso la squadra Stato”

Cambiare la Calabria e lottare per il suo futuro, questo il messaggio lanciato dall’associazione e dal sindacato

“Lo Stato ha messo in campo i suoi migliori investigatori per riscattare la Calabria dai clan della ‘ndrangheta che si contendono il territorio. La nostra regione trovi la sua identità attraverso la squadra Stato abbattendo il cancro della criminalità.” Questo quanto dichiarato,  in una nota congiunta ,Lia Staropoli presidente dell’associazione “ConDivisa – Sicurezza e Giustizia” e da Giuseppe Brugnano, segretario nazionale del sindacato di polizia Fsp – la Federazione Sindacale di Polizia -“Ci siamo congratulati con il procuratore Nicola Gratteri che ha coordinato gli investigatori della Polizia di Stato che hanno realizzato l’operazione “Rimpiazzo”, le Donne e gli Uomini della Polizia di Stato diretti dal Questore Andrea Grassi, dal Direttore Centrale dell’Anticrimine, Francesco Messina, dal Direttore del Servizio Centrale Operativo, Alessandro Giuliano, dai Capi delle Squadre Mobili di Catanzaro e Vibo Valentia, Marco Chiacchiera e Giorgio Grasso, che Nicola Gratteri ha definito tra i migliori Investigatori, e noi siamo ampiamente d’accordo con lui. Uno slogan costruttivo per il futuro? Potrebbe essere – Affermano ancora Staropoli e Brugnano- “Cambiamo la nostra regione, restiamo in Calabria”. Una Calabria che merita di avere un nuovo volto in ambito nazionale, solo attraverso l’abbattimento della criminalità”