Fuga dagli ospedali calabresi: 1.410 medici verso il pensionamento

La stima emerge da uno studio del sindacato Anaao-Assomed che ha disegnato una mappa delle carenze di medici specialisti regione per regione

In Calabria è previsto un ammanco di 1410 medici. La stima emerge da uno studio del sindacato Anaao-Assomed che ha disegnato una mappa delle carenze di medici specialisti regione per regione.

“Le carenze principali – riporta lo studio – riguarderanno la medicina d’urgenza con 245 medici, l’anestesia e rianimazione con 63 medici, la ginecologia con 51 medici, la chirurgia generale con 90 medici, la pediatria con 150 medici e la psichiatria con 90 medici. Da un confronto tra fabbisogni dichiarati dalla Regione e previsione di medici in pensionamento nel periodo 2019-2025, i primi risultano sottostimati di 1093 unità. Incomprensibili alcuni numeri di fabbisogno espressi dalla regione: medicina d’emergenza-urgenza 0, medicina del lavoro 0, ematologia 0, ma contemporaneamente si richiedono ben 3 medici dello sport all’anno e 3 genetisti. Sono 9 i contratti di formazione finanziati dalla Regione, spalmati su branche non in sofferenza”.