Quando Vibo si chiamava Monteleone, la figura del poeta e scrittore Pasquale Enrico Murmura

Un appuntamento di assoluto valore culturale quello in programma domani, sabato 16 marzo, a Palazzo Santa Chiara, alla presenza di personalità di assoluto valore.
Il convegno promosso dall’ Associazione Pro Fondazione Antonino Murmura ha il duplice scopo di riproporre la produzione letteraria di Pasquale Enrico Murmura, giovane speranza della letteratura vibonese, morto nel 1924 ad appena 21 anni, e, allo stesso tempo, di indagare un periodo storico molto importante per la storia della città di Vibo Valentia e più in generale della Calabria.

I lavori si svolgeranno con inizio alle ore 9,30 e proseguiranno per l’intera giornata. “Sarà l’occasione – ha spiegato la presidente dell’associazione, Maria Murmura Folino – per un confronto multidisciplinare tra i maggiori studiosi del territorio vibonese, a testimonianza della grande vivacità culturale che ancora lo caratterizza. Il progetto nella sua interezza – aggiunge – prevede inoltre la pubblicazione di un volume antologico delle opere di Pasquale Enrico Murmura, la pubblicazione degli atti del convegno e la realizzazione di un documentario sull’ambiente familiare del giovane poeta, che sarà proiettato in apertura del convegno”.