Aggressione e offese razziste a senegalese su pullman di linea, denunciati due disoccupati

Rapidissime le attività investigative del Commissariato di Lamezia Terme che ha individuato i due presunti autori, entrambi, già noti alle forze dell’ordine

Sono stati identificati gli autori dell’aggressione razzista nei confronti di un 26enne senegalese avvenuta a bordo di un pullman di linea.

L’episodio.  Martedí scorso, attorno alle 7:30, un giovane senegalese di 26 anni,  è stato avvicinato da due individui che lo hanno aggredito sia fisicamente che verbalmente con offese personali e di contenuto razzista mentre si trovava a bordo di un  pullman di linea in Lamezia Terme. I due, sarebbero scesi dal pullman solo dopo essersi accorti che il giovane era riuscito a contattare il 113. La vittima, scossa per l’accaduto, è stata condotta presso il locale nosocomio dove il giovane è stato medicato e dimesso con una prognosi di 7 giorni

Denuncia. Nel pomeriggio il giovane senegalese si è recato al commissariato  di Lamezia Terme, dove ha formalizzato la denuncia a seguito di quanto subito. Sono state avviate le indagini e in tempi rapidissimi, meno di 24 ore, gli agenti del Commissariato  sono giunti ad identificare i due soggetti decritti dalla vittima dell’aggressione, rintracciandoli su un autobus per recarsi al Sert (Servizio per le Tossicodipendenze)dell’ospedale cittadino.

Individuati. Gli aggressori sarebbero due lametini, entrambi già noti alle forze dell’ordine, di 24 e 43 anni, disoccupati. Nel corso delle attività info-investigative, solo a carico del 24enne, C.G., sono emersi indizi di colpevolezza per il reato di lesioni personali con l’aggravante della finalità di discriminazione razziale, e per tali motivi gli atti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia Terme. (f.t)