Spese sanitarie e familiari, Callipo mette un milione a disposizione dei dipendenti

“Abbiamo intercettato questa esigenza dei nostri lavoratori – si scrive in una nota dell’azienda – e ci siamo subito impegnati per offrire una soluzione concreta”

Un milione di euro a disposizione dei dipendenti per affrontare spese sanitarie e familiari: è questo l’accordo sottoscritto oggi con il sindacato (FAI/CISL) dalla Giacinto Callipo Conserve Alimentari S.p.A., azienda calabrese con una storia di 106 anni nelle conserve ittiche di qualità, che aggiunge un altro tassello al proprio sistema consolidato di welfare aziendale. Una nuova iniziativa che mette al centro i dipendenti, considerati da sempre la “risorsa” più preziosa per Callipo, coloro che contribuiscono al successo aziendale e a trasmetterne all’esterno i valori.

Oltre 200 dipendenti della Giacinto Callipo Conserve Alimentari e della holding Callipo Group potranno attingere dal plafond di 1 milione di euro, finanziato dalla BPER e messo a disposizione dall’azienda, per ottenere un prestito a tasso agevolato rispetto a quelli attualmente applicati sul mercato consumer. Un progetto che ha come obiettivo quello di migliorare la vita dei dipendenti, offrendo loro un supporto economico concreto per far fronte alle loro esigenze di liquidità attraverso una formula economicamente più vantaggiosa rispetto ai tradizionali canali di finanziamento.

“Abbiamo intercettato questa esigenza dei nostri lavoratori e ci siamo subito impegnati per offrire una soluzione concreta. Il conseguimento di un finanziamento, piccolo o grande, è generalmente vincolato ad alti tassi d’interesse e commissioni accessorie che hanno un impatto importante sulla somma da restituire. Per questo motivo sono una fonte di preoccupazione per molte famiglie che devono affrontare quotidianamente spese mediche o familiari. La nostra risposta consiste nell’utilizzare il potere contrattuale dell’azienda per contrarre mutui a tassi agevolati da ripartire senza costi aggiuntivi ai dipendenti che ne faranno richiesta”, dichiara il Presidente e Cavaliere del Lavoro Pippo Callipo.

I dipendenti Callipo potranno richiedere all’azienda un finanziamento per un importo fino a 20.000 euro, di durata da uno a cinque anni, da restituire tramite trattenute mensili in busta paga. A tale operazione sarà applicato un tasso d’interesse particolarmente favorevole fino all’esaurimento del plafond da un milione d’euro.

“Forte di una storia lunga oltre un secolo, Callipo  -si scrive in una nota – ha una visione d’impresa moderna con una politica di welfare seria, articolata e integrata nella strategia aziendale, che mira al benessere dei lavoratori, alla produttività e alla qualità. Sono un esempio le diverse aree di intervento in chiave welfare in cui l’azienda è impegnata da tempo: assistenza sanitaria mediante convenzioni mediche, premio di produttività, momenti conviviali, formazione, convenzioni aziendali, sala relax e giochi in azienda. Inoltre, per favorire le relazioni lavorative, familiari e sociali è attivo anche un servizio di ascolto e consulenza a sostegno dei dipendenti”.