Ridotta in schiavitù e costretta a violenze sessuali: due arresti nella Piana di Gioia Tauro

Avevano costretto una donna a subire violenze di ogni tipo fino a ridurla alla schiavitù. Per questo motivo la Polizia ha arrestato nella Piana di Gioia Tauro due persone ritenute responsabili, a vario titolo, di induzione in schiavitù e di atti persecutori aggravati. La vittima, anch’essa residente nella Piana di Gioia Tauro che, dopo oltre un ventennio di vessazioni e violenze morali, fisiche e sessuali ha trovato il coraggio di denunciare denunciato i fatti.

Un incubo di oltre venti anni. Dalla sue dichiarazioni fornite alla Polizia sono quindi partite le indagini che hanno permesso agli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro di riscontrare quanto raccontato dalla donna. Nei confronti delle due persone sono state quindi emesse le misure cautelari coercitive disposte dal gip del Tribunale di Reggio Calabria. Misure che mettono fine all’incubo della donna che durava da oltre un ventennio.