Litiga con la compagna e con la famiglia e fugge di casa: rintracciato a Lamezia Terme

L’uomo, ritrovato dalla Polizia Ferroviaria, e stato ricondotto in Sicilia da dove è iniziata la sua fuga verso la Calabria

Un turbinio di emozioni: angoscia e smarrimento è così che è stato ritrovato il 31enne catanese, allontanatosi dalla sua città dopo alcuni litigi familiari, dalla Polfer in servizio presso la stazione ferroviaria lametina.

L’episodio. Il giovane di 31 anni, diventato padre da pochi mesi, già in crisi con la compagna e nuovamente rientrato nella casa paterna avrebbe deciso di allontanarsi da casa il 9 marzo quando alle 20 sarebbe stato ritrovato con lo sguardo perso nel vuoto  nella Stazione di Lamezia Terme.  I poliziotti, notato l’atteggiamenti del giovane  gli sono andati vicino per capire se avesse bisogno di aiuto.




Esasperato. Il giovane era sceso dal treno proveniente da Roma e diretto in Sicilia, perché non aveva i soldi per proseguire il viaggio e non aveva nemmeno il cellulare per chiedere aiuto a dei conoscenti. L’uomo avrebbe spiegato di aver litigato con i genitori e di essere stato lasciato dalla compagna. Subito dopo averlo rassicurato, il personale della Polfer ha verificato che per il giovane vi era una nota di richiesta di rintraccio, inserita dalla Questura di Catania su segnalazione dei genitori.

Ritorno. La Polfer ha così organizzato il rientro del giovane in Sicilia, dopo aver provveduto a contattare il padre, che nella tarda serata, ritrovato il figlio, ha ricontattato i poliziotti per manifestare la propria riconoscenza. (f.t)