Il sindaco di Feroleto Antico accusato di abuso d’ufficio: chiuse le indagini

l primo cittadino avrebbe emesso un avviso pubblico di selezione per la figura di un dirigente da assumere a tempo determinato violando quanto stabilito dallo stesso bando

Sono state concluse le indagini nei confronti del sindaco di Feroleto Antico, Pietro Fazio, accusato di abuso d’ufficio. A disporne la chiusura la Procura lametina. Le indagini sono state svolte dal gruppo Guardia di Finanza di Lamezia Terme, comandato dal tenente colonnello Clemente Crisci.

Il fatto. Il sindaco, Pietro Fazio ed un tecnico, Pietro Fragale, sarebbero responsabili di abuso d’ufficio in concorso tra loro. Il primo cittadino avrebbe emesso un avviso pubblico di selezione per la figura di un dirigente da assumere a tempo determinato violando quanto stabilito dallo stesso bando nel quale veniva esclusa la candidatura di persone che avevano avuto condanne penali. Il sindaco aveva accettato però quella del candidato, oggi indagato, nonostante annoverasse una condanna per falso ideologico già esecutiva all’epoca dei fatti. Secondo le indagini l’amministratore avrebbe procurato indebito vantaggio al tecnico derivante dalle retribuzioni da questi recepite. (f.t)