Madre e figlia scomparse in Aspromonte: ritrovate nella tarda serata di ieri

La donna è riuscita a chiamare i vigili del fuoco e ad indicare il posto in cui si trovava insieme alla figlia

Disavventura per una donna di 46 anni e per la figlia di appena 14 anni, sparite nel pomeriggio di ieri in Aspromonte e delle quali si erano perse le tracce. Non vedendole ritornare a casa era stato il marito a lanciare l’allarme e subito si era messa in moto la macchina dei soccorsi, resi difficili per la neve, il terreno accidentato e, anche, per la mancanza in zona di copertura telefonica.

La svolta nella tarda serata di ieri quando la donna è riuscita a fare una chiamata al numero di emergenza del 115 e ad indicare di essere, insieme alla figlia, nei pressi di un torrente. Nessun’altra informazione utile ai soccorritori che non si sono certamente scoraggiati concentrando le ricerche lungo uno dei torrenti nelle vicinanze. E proprio qui sono riusciti a rintracciare, in nottata, le due disperse, ritrovate con principi di ipotermia che hanno reso necessario trasportarle in barella e poi consegnarle alle ambulanze del 118 in codice giallo.

Ben sei le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria della Stazione Aspromonte che hanno partecipato alle operazioni, insieme a un nutrito gruppo di carabinieri, Vigili del Fuoco e associazioni di Protezione Civile.