Sanremo, il Codacons riapre il caso della vittoria “rubata” a Mia Martini nel 1992

Chiesti alla Rai gli atti relativi al Festival del ’92 e all’Agcom di aprire un’inchiesta convocando Loredana Bertè, Pippo Baudo e Gianni Ippoliti

Il Codacons riapre il caso del Festival di Sanremo del 1992, denunciando la presunta alterazione della classifica finale della kermesse di quell’edizione con la vittoria negata alla indimenticata artista calabrese Mia Martini. E lo fa inviando un esposto all’Autorità per le Comunicazioni e una formale istanza d’accesso alla Rai, finalizzata ad acquisire tutti gli atti relativi al Festival del ’92. “Abbiamo deciso di riaprire il caso – spiega il presidente Carlo Rienzi – dopo le recenti dichiarazioni di Loredana Bertè che, in occasione della presentazione del film “Io sono Mia”, ha parlato espressamente di ‘vittoria rubata’, asserendo che la classifica finale di quell’edizione del Festival fu artefatta per assegnare la vittoria ad un brano di Luca Barbarossa”.




All’interno dell’esposto il Codacons cita anche una puntata del programma Rai3 “Novecento” durante il quale Pippo Baudo, conduttore di Sanremo ’92, avrebbe ammesso tali fatti. Ad avvalorare la tesi di una possibile alterazione della classifica la circostanza secondo cui Gianni Ippoliti, nel corso dell’edizione del Festival del 1992, avrebbe anticipato in diretta e prima della conclusione della gara la vittoria di Mia Martini, episodio che potrebbe aver portato a modificare la classifica finale della kermesse allo scopo di evitare sospetti nei telespettatori. “Pertanto – conclude Rienzi – abbiamo chiesto alla Rai copia degli esiti delle votazioni, dei verbali di voto e di tutti gli atti utili relativi al Festival di Sanremo 1992, e all’Agcom di aprire una inchiesta sul caso convocando Loredana Bertè, Pippo Baudo e Gianni Ippoliti allo scopo di raccogliere la loro testimonianza sulla vicenda” .