Pensioni, quota 100 al via. Raffica di domande

Ecco cosa fare per andare in pensione. Tfr anticipato agli statali fino a 30mila euro

Al via da ieri le domande per quota 100 e per gli altri canali di uscita (dall’Ape social all’anticipo precoci, all’opzione donna) lanciati o prorogati con il decretone pensioni/reddito. E, in serata, alla fine della prima giornata di raccolta dei moduli online e di quelli presentati attraverso i patronati e gli altri intermediari, si è subito arrivati a quota 1.500-2000 richieste, se si considerano non solo quelle di quota 100 ma anche quelle per le altre formule.




Dall’Inps, infatti, hanno provveduto a mettere online la procedura di invio delle istanze attraverso internet anche prima della consueta e attesa circolare esplicativa. Soddisfatti i registi dell’operazione (il vicepremier Matteo Salvini e i due sottosegretari al Lavoro e all’Economia, Claudio Durigon e Massimo Garvaglia). Al punto che il leader leghista non esita a lanciare il prossimo obiettivo: «Quota 41», ovvero la possibilità di andare in pensione anticipata indipendentemente dall’età una volta che si siano raggiunti 41 anni di contributi. La misura è stata esclusa quest’anno perché molto costosa.

CONTINUA A LEGGERE QUI