Materiale pirotecnico detenuto illegalmente in casa, denunciato ristoratore vibonese

E’ accusato dei reati di detenzione illegale di materiale esplodente, ricettazione e omessa denuncia. Il materiale è stato messo in sicurezza e sequestrato

Risponderà dei reati di detenzione illegale di materiale esplodente del tipo non consentito, ricettazione e omessa denuncia di materiale esplodente, il ristoratore che questa mattina ha ricevuto la visita della sezione radiomobile dei carabinieri di Vibo Valentia e del Nucleo cinofili dello Squadrone “Cacciatori  Calabria”.




La denuncia. La perquisizione, finalizzata alla ricerca di armi e materiale esplodente, estesa anche all’abitazione di F.R., 44 anni, residente a Ionadi, titolare di un ristorante-pizzeria del posto, conduceva al rinvenimento di due sfere da mortaio artigianali tipo bomba kl 4 calibro 75 mm prive di marchio CE, 2 sfere da mortaio artigianali denominate is6-2000 del peso netto di prodotto attivo gr. 800, una batteria pirotecnica a tubi cat. f2 denominata “idra” del peso netto di gr. 490, 28 mortai di varia lunghezza e diametro.

Indagini. Gli investigatori stanno tentando di scoprire se questo materiale esplodente fosse destinato a soddisfare le richieste di clienti che richiedevano l’esplosione di fuochi d’artificio per le loro occasioni speciali o semplicemente rimanenze della notte di San Silvestro. Il tutto, debitamente messo in sicurezza da personale del Nucleo Artificieri Carabinieri di Catanzaro, appositamente giunto per l’esigenza, è stato sottoposto a sequestro ed affidato a ditta specializzata per lo smaltimento.