Un concorso per ricordare il poeta vibonese Vincenzo Ammirà a 120 anni dalla morte

Al via il bando della prima edizione del premio di poesia “Vincenzo Ammirà”, fortemente voluto ed organizzato dall’artista Caterina Rizzo, presidente dell’omonima associazione. L’obiettivo dichiarato è quello di “non bandire dalla memoria ma restituirlo al suo territorio d’appartenenza che è l’antica Monteleone, oggi Vibo Valentia”. Si tratta del poeta vibonese Vincenzo Ammirà (1821-1898) “classificato tra ‘I Poeti Maledetti’ per aver scritto contro il potere e ‘il buon costume’ in lingua italiana e in vernacolo”.

Il concorso, dedicato al poeta vibonese Vincenzo Ammirà nella ricorrenza del 120° anno della sua morte, si articola in due sezioni: poesia in lingua e in vernacolo. Ogni concorrente può partecipare con una lirica che non superi i 30 versi e che non sia stata premiata in altri concorsi. La lirica può essere edita ma non premiata né classificata nei primi tre posti in altri concorsi. Per la sezione in vernacolo è necessario aggiungere la traduzione. La scadenza per l’invio degli elaborati è fissata per il 20 il Marzo 2019 e gli elaborati, unitamente alla scheda allegata e firmata, così come copia dell’avvenuto versamento, devono essere inviati all’indirizzo e mail vincenzoammira2018@virgilio.it