Morte sospetta a Vibo, il Tribunale assolve due medici dell’ospedale

I professionisti erano finiti sotto processo a seguito del decesso di un quarantaduenne avvenuto nel febbraio 2011

Due assoluzioni per altrettanti medici dell’ospedale di Vibo Valentia. Il Tribunale ha infatti assolto Vincenzo Fiorillo, 62 anni, difeso dall’avvocato Giuseppe Di Renzo, che rispondeva dell’accusa di omicidio colposo e omissione in atti d’ufficio e Antonio Elia, 66 anni, accusato di rifiuto d’atti d’ufficio, difeso dall’avvocato Gaetano Servello. Il processo era scaturito a seguito del decesso di Domenico Quinto Cutrullà, 42 anni, di Bivona, deceduto nel febbraio 2011, al termine di una lunga agonia ed di un lungo intervento chirurgico. Sotto la lente della procura erano finiti la mancata esecuzione di un esame e il trasporto del paziente all’ospedale di Catanzaro che per la Procura avrebbe dovuto essere eseguito “senza ritardo, trattandosi di paziente in codice rosso”. A conclusione del dibattimento, però, il pm Luca Ciro Lotoro ha richiesto l’assoluzione per i due imputati. Assoluzione per la quale hanno optato i giudici del Tribunale collegiale di Vibo