Il procuratore Curcio ringrazia i volontari che hanno ritrovato il piccolo Nicolò

Ha ringraziato tutti i volontari e gli organismi di protezione civile che si sono adoperati alla ricerca del piccolo Nicolò Frijia

Il procuratore della Repubblica di Lamezia Terme Salvatore Curcio ha assistito alle operazioni di recupero del corpicino di Nicolò, il bambino di 2 anni ritrovato una settimana dopo il nubifragio che ha causato la morte anche della madre Stefania Signore e del fratellino Cristian. Con il procuratore era presenti il padre del piccolo, Angelo Frija, e diversi parenti che sorreggono l’uomo affranto dal dolore e con indosso la maglia inviata dal Milan, squadra di cui era tifoso il piccolo Cristian.




“Ci tengo a ringraziare, oltre agli organismi di polizia giudiziaria, la Protezione civile ed i suoi volontari, il Cnr, i vigili del fuoco, in tutte le loro articolazioni, e tutti i semplici cittadini intervenuti volontariamente, per il grande impegno che hanno profuso nelle ricerche del corpo del bambino scomparso e nelle attività correlate”. Si è espresso così il procuratore della Repubblica, Salvatore Curcio, riferendosi a tutte le persone impegnate nelle ricerche sin dal giorno della notizia della scomparsa del piccolo Nicolò, vittima del maltempo assieme alla mamma e al fratellino.

“In questa vicenda – ha continuato il procuratore Curcio in un’ intervista rilasciata all’Ansa – meritano di essere evidenziati gli aspetti di grande umanità, condivisione e solidarietà che tutti hanno dimostrato sul campo. Valori non sempre riscontrabili ai giorni nostri”. (f.t)