Provinciali Vibo, il Terzo polo già perde pezzi: si ritirano tre candidati di area Udc

La luna di miele tra Ottavio Bruni ed ex esponenti del Partito democratico come De Nisi e Giamborino è già finita. Gli ex dem pronti a sostenere Antonino Schinella

Caos sulle elezioni provinciali di Vibo Valentia. Questa mattina la presentazione delle liste. E subito dopo è scoppiata la bagarre. Ad implodere, neanche a dirlo, è stato il cosiddetto Terzo polo – quello frutto dell’asse, consolidato, da quanto si apprende, da incontri notturni nella città capoluogo – tra ex Pd (De Nisi, Soriano, Giamborino) e l’Udc di Ottavio Bruni.




All’atto della presentazione delle compagini, infatti, i candidati dell’Unione di Centro inseriti in lista avrebbero iniziato a sollevare una serie di questioni legate all’autenticazione delle firme. E nel primissimo pomeriggio è giunto il ritiro di ben tre candidature inserite nella lista “Civilmente Impegnati”: si tratta di Gregorio Ciccone, Cosimo Damiano Piromalli e Rosa Emanuela Campagna. Alla base della scelta pare vi sia la decisione di candidare Maria Fiorillo, la consigliera comunale della città capoluogo, il cui peso specifico potrebbe aver fatto saltare i piani messi in piedi dall’Udc. In sostanza, con l’ingresso della Fiorillo non c’era più spazio per eleggere uno dei candidati dello scudocrociato. Bruni potrebbe averlo capito ed invitato i suoi seguaci a fare retromarcia. Della serie non dire “gatto” neppure quando già ce l’hai nel sacco, cioè, a liste presentate! Tra le altre ragioni dei dissapori sorti in mattinata anche la mancata candidatura di un presidente: fatto del quale l’Udc non sarebbe stato messo a conoscenza.

LEGGI QUI | Elezioni provinciali a Vibo, ai blocchi di partenza anche il “terzo polo”: ecco la lista