Catanzaro, l’ex ospedale militare diventerà sede della Procura ed altri uffici giudiziari

Il progetto illustrato dal sindaco Sergio Abramo, dal procuratore Nicola Gratteri e dal direttore dell’Agenzia del demanio Pier Giorgio Allegroni

Il Comitato tecnico-amministrativo del Provveditorato interregionale per le opere pubbliche di Sicilia e Calabria ha approvato il progetto esecutivo per la riqualificazione dell’ex Ospedale militare. La decisione, è scritto in una nota del Comune di Catanzaro, è il via libera alla pubblicazione del bando di gara per l’affidamento dei lavori, che dovrebbe avvenire fra una settimana. Il ruolo di stazione appaltante verrà svolto dall’Agenzia del Demanio. Una volta eseguiti gli interventi di restauro e risanamento conservativo per la rifunzionalizzazione dell’edificio, l’ex Ospedale militare diventerà sede della Procura e di altri uffici giudiziari.




Il progetto. Il sindaco Sergio Abramo, il direttore generale del dipartimento dell’organizzazione giudiziaria Antonio Mungo, il procuratore della Repubblica Nicola Gratteri e il direttore regionale per la Calabria dell’Agenzia del demanio Pier Giorgio Allegroni, hanno illustrato il progetto al Comitato tecnico-amministrativo presieduto dal provveditore interregionale delle opere pubbliche Donato Carlea. Dopo l’illustrazione del progetto, il Comitato si è riunito per deliberare. La decisione positiva è stata successivamente comunicata ai rappresentanti istituzionali coinvolti. Il sindaco Abramo. “L’ok ricevuto dal progetto dal Comitato tecnico amministrativo – ha affermato Abramo – rappresenta un altro passo avanti concreto verso la realizzazione di una grande e funzionale cittadella giudiziaria in pieno centro storico. Restituire l’immobile dell’Osservanza alla collettività, riempirlo di funzioni importanti quali sono quelle giudiziarie, è stata una priorità dell’amministrazione e continua ad esserlo. Questo progetto di riqualificazione è uno dei punti fondamentali dell’azione comunale di rilancio del centro storico». Il sindaco ha voluto ringraziare i vertici dei ministeri delle Infrastrutture, della Giustizia e l’Agenzia del Demanio oltre al procuratore Gratteri «che si è speso fin dall’inizio per ottenere questo risultato eccezionale per i tempi in cui si sta consumando” .

L’accordo. Dopo gli interventi di riqualificazione, l’ex Ospedale militare verrà concesso in comodato d’uso gratuito per 99 anni al ministero della Giustizia. Gli oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria saranno a carico di quest’ultimo.
.