Cori calabresi, il vibonese Gianfranco Cambareri è il nuovo presidente

Succede nell’incarico a monsignor Giorgio Costantino. L’elezione è giunta in occasione dei 25 anni di Fondazione del sodalizio

Sarà il giovane maestro vibonese Gianfranco Cambareri a presiedere per i prossimi anni l’Organizzazione dei Cori di Calabria (Occ). A stabilirlo sono stati i membri dell’assemblea regionale convocata in seduta straordinaria a Reggio Calabria dal presidente uscente, monsignor Giorgio Costantino. L’elezione del maestro Cambareri, 35 anni, docente di Esercitazioni Corali al Conservatorio di musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia, è avvenuta proprio in occasione di una felice ricorrenza per il sodalizio: i 25 anni di fondazione dell’associazione, nata a Vibo Valentia il 17 febbraio 1993, al termine di una partecipata assemblea regionale tenuta nei locali del Valentianum.

La scelta di puntare sul maestro Cambareri, direttore del Coro “Dominicus” di Soriano Calabro rappresenta una riconoscimento anche per l’intero territorio provinciale, visto che la sede operativa della “Occ” verrà traferita per ragioni organizzative e funzionali proprio nel Vibonese. L’auspicio, infatti, è che le istituzioni locali e provinciali possano ora affiancare il maestro Cambareri e i suoi collaboratori nelle iniziative che già sono state messe in cantiere per consentire all’Occ di continuare a recitare un ruolo di primo piano nel campo delle manifestazioni artistiche. E, in questa direzione, viene rivolto un appello proprio alle istituzioni locali affinché venga assegnata all’Occ una sede idonea a svolgere le proprie impegnative funzioni, visto che avrà il compito di raccogliere e coordinare tutti i

Cori polifonici presenti in Calabria e costituiti in associazioni culturali.
Del resto, tra le tante finalità dell’Occ vi è la valorizzazione e la diffusione della musica corale in ambito artistico, didattico e sociale, che promuove, approfondisce e studia, a partire dalle origini, la musica corale in Calabria. L’Occ, che nel corso di questi 25 anni ha avuto come associati circa tremila coristi di tutte le province calabresi, è associata a Feniarco che, dal 1984, anno della sua nascita, è cresciuta diffondendosi in tutto il territorio nazionale fino a rappresentare oggi tutte le regioni italiane. Emblema della coralità italiana, l’associazione raccoglie attorno a sé oltre 2800 cori iscritti e 150mila tra cantori e collaboratori.

“Per il 2018 – spiega il maestro Gianfranco Cambareri – sono in cantiere diverse manifestazioni commemorative che coinvolgeranno importanti istituzioni italiane e che prevedono la presenza in Calabria di importanti cori, anche esteri, e di direttori di coro di fama internazionale invitati a tenere corsi di formazione e convegni sulla musica corale”.

Formazione, infatti, sarà la parola chiave del mandato del presidente Cambareri, che in questi anni si è distinto per aver conseguito, alla guida dei cori da lui diretti, numerosi primi premi in ambito nazionale e internazionale, partecipando a importanti eventi culturali in Italia e all’estero. Acquisita la disponibilità del Conservatorio di musica di Vibo Valentia, si sta lavorando per l’eventuale attivazione di un Corso accademico destinato alla formazione dei direttori di coro calabresi, così come si provvederà ad istituire, nelle cinque province della Calabria, corsi di formazione per coristi al fine di dare nuovo impulso alla coralità calabrese. Saranno coinvolti, in particolar modo, le giovani generazioni attraverso protocolli d’intesa con le scuole.

Il maestro Cambareri invita infine i direttori dei cori calabresi e i presidenti delle relative associazioni “ad aderire all’Organizzazione Cori Calabria. Il nostro scopo è infatti quello di favorire il costante interscambio di conoscenze in ambito musicale e l’approfondimento di tutte le tematiche e dinamiche legate al mondo corale, promuovendo l’aggiornamento costante attraverso stage, concorsi e corsi destinati a creare opportunità di crescita grazie a esperienze di carattere nazionale e internazionale”. Le iscrizioni sono aperte e i termini di presentazione delle domande di adesione scadranno il 16 marzo 2018.